Salta al contenuto

Pubblicazioni e Interventi

Una breve raccolta di scritti e d’interventi pubblici di carattere tecnico-professionale, storico-politico e letterario su argomenti d’interesse personale.


Turismo: Qualità, competenze e imprenditorialità. Elementi essenziali per il rilancio post crisi. (2012)

La recente crisi economico- finanziaria del vecchio mondo, da un lato, la nascita di nuovi mercati e la loro crescita esponenziale (BRIC), dall’altro, ha posto in evidenza, in modo particolare nel settore turistico, la necessità di una altrettanto rapida innovazione imprenditoriale. Come destreggiarsi in una situazione così intricata e come scongiurare un ulteriore inasprimento del disallineamento formativo e tecnologico tra mercato e offerta turistica nazionale sono, dunque, gli interrogativi da porsi.

leggi l’articolo: Economy Way, Nr. 6/Aprile 2012, Roma – p. 9


City Branding: Le Città, novelle destinazioni turistiche, riscoprono nella loro identità un vantaggio competitivo. (2013)

Il fenomeno sempre più rilevante del City Branding nelle strategie di sviluppo turistico e marketing territoriale pone l’accento sulla necessità delle destinazioni urbane di orientarsi sempre di più verso la valorizzazione della propria identità e acquisire vantaggio competitivo. L’immagine, soprattutto quella percepita, gioca un ruolo fondamentale nel posizionamento delle città sul mercato delle destinazioni turistiche in forte espansione. Un asset strategico su cui costruire un’offerta integrata capace di attrarre visitatori con un richiamo distintivo e autentico.


Ancillary Revenues: Dopo le compagnie aeree, anche gli alberghi puntano sui servizi a pagamento. (2014)

Il modello di guadagno già consolidato nelle compagnie aeree dei guadagni extra derivanti dalla vendita di prodotti e servizi accessori inizia ad interessare anche il comparto alberghiero che da sempre tende a diversificare le proprie fonti di reddito. Questo nuovo approccio sta inevitabilmente diffondendosi rapidamente in tutto il settore dell’ospitalità alberghiera e, inoltre, sta influenzando soprattutto il modo in cui i viaggiatori interagiscono con le strutture ricettive.


Sorridi! Entra il cliente. (2015)

L’accoglienza in hotel è un momento cruciale che può fare la differenza nell’esperienza complessiva del cliente. In questo contesto, il sorriso assume un ruolo di fondamentale importanza, poiché non è solo un gesto di cortesia, ma rappresenta un ponte emotivo che connette immediatamente il personale dell’albergo con il cliente. Un sorriso sincero comunica calore, cordialità e un senso di benvenuto, trasmettendo un’atmosfera positiva fin dal primo istante. Questo semplice atto crea un legame empatico, contribuendo a generare un’esperienza accogliente e piacevole per il cliente, che può sentirsi apprezzato e desiderato. Nell’industria alberghiera, dove l’attenzione al cliente è cruciale, il sorriso diventa quindi una risorsa inestimabile, capace di creare un impatto duraturo sulla percezione complessiva del servizio offerto.

leggi la trascrizione dell’intervento tenuto dell’ambito del Convegno Nazionale Cicas: “Turismo: da risorsa anticrisi a fattore permanente di sviluppo” – Lamezia Terme del 5 Maggio 2015


La Carta del Carnaro (2021)

La Carta del Carnaro, un documento storico che ha segnato un capitolo significativo nell’epopea post-Prima Guerra Mondiale, fu un’ideazione dell’eclettico poeta, scrittore e leader militare italiano Gabriele D’Annunzio. Nel 1919, D’Annunzio occupò la città di Fiume (oggi Rijeka, in Croazia) con un gruppo di arditi, proclamando la Repubblica di Fiume e redigendo la Carta del Carnaro. Questo manifesto politico e sociale, noto anche come “Carta Fiumana”, mirava a creare uno stato basato su principi di autodeterminazione, corporativismo e spiritualità. L’intrigante contributo di D’Annunzio alla Carta del Carnaro rappresentò un esperimento unico nella storia politica, combinando elementi nazionalisti e ideali poetici. L’effimera Repubblica di Fiume lasciò un’eredità controversa, ma la Carta del Carnaro continua a essere studiata per il suo impatto e la sua rappresentazione delle visioni politiche dell’epoca.

leggi la trascrizione dell’intervento tenuto all’interno dell’incontro nazionale: “Omaggio a Gabriele d’Annunzio”, Catanzaro, 12 Giugno 2021


Ernest Hemingway (2023)

Ernest Hemingway, figura leggendaria della letteratura del XX secolo, si distinse non solo come un prolifico scrittore ma anche come un valoroso soldato durante la Grande Guerra. La sua esperienza militare in Italia influenzò profondamente la sua narrativa e la sua poetica. Immergendosi nel caos e nella drammaticità del fronte italiano, Hemingway, poeta soldato, trovò ispirazione per molte delle sue opere più iconiche, inclusi racconti come “Addio alle armi”. La sua capacità di catturare l’essenza della guerra attraverso una prosa cruda e sincera conferisce alle sue opere un’autenticità straordinaria. L’Italia divenne così il palcoscenico drammatico in cui Hemingway forgiò la sua voce letteraria, trasformando le esperienze di guerra in una testimonianza indelebile della condizione umana.

leggi l’estratto da “I Poeti Soldato”, Titani Editori Ltd – Londra, 2023

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi